• Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)

Telefono Rosa

Articolo del nostro Ambasciatore Francesco D'Ausilio
Giovedì 28 Agosto 2014 16:41
Il nostro Ambasciatore Francesco D'Ausilio, sempre sensibile a tutte le problematiche che riguardano la nostra città, ha scritto un bellissimo articolo che abbiamo scelto di diffondere sul nostro sito poiché chi ci segue sappia quanto si possa sempre contare sulla sensibilità del Consigliere D'Ausilio rispetto al fenomeno della violenza sulle donne e sui minori.

 
 
Cari amici, vi invitiamo a leggere questo ultimo interessante articolo scritto da Stella Maggi sulla violenza e sul presunto tentativo di uxoricidio di due giovani donne.
Lunedì 25 Agosto 2014 14:27

Siamo ancora qui, per l’ennesima volta, a chiedere al Primo Ministro Matteo Renzi di provvedere a nominare una guida politica  che sia a capo del Dipartimento per le Pari Opportunità.

Ci sentiamo da lui ignorate in ogni nostro appello e soprattutto non considerate né come rappresentanti della parte più debole della società né come cittadini/e.

Cronache dal Centro Tina

 

Servono l’empatia e la capacità di ascoltare,  la voglia di aiutare e un certo spirito di servizio. “Prima di giudicare un uomo ( o una donna, n.d.r. ) cammina per tre lune nelle sue scarpe”, dice un proverbio degli indiani d’America. Nel Centro per donne violentate e perseguitate da mariti che si ritengono i padroni  – per convenzione lo chiameremo Tina – queste piccole norme sono basilari, ma per andare avanti servono anche la collaborazione continua con i servizi sociali e le forze dell’ordine, che lavorano a stretto contatto di gomito con loro. Mancano i contributi, anche minimi, tutto il volontariato del mondo non può andare avanti senza possibilità economiche  e anche nuove strutture, nuove case che aiutino le persone in difficoltà a rinascere e a sottrarsi ai loro compagni violenti.

Le storie di Lia ed Elena (nomi inventati per proteggere la loro privacy) raccontano benissimo le difficoltà che vive una donna che vuole lasciare il marito e anche quelle delle operatrici del Centro per proteggerle. Accade tutto in questo agosto 2014, temperature non certo da estate torrida, un mese comunque segnato da orrendi femminicidi e da delitti contro i figli per colpire le madri. Due bambine morte, una in fin di vita, una donna decapitata , le altre uccise in vario modo. Non c’è molto da rallegrarsi, la storia delle donne continua a essere segnata di sangue. E così Lia che ha due bambini di tre e cinque anni e che da sempre subisce violenza fisica e psicologica dal marito decide di chiedere aiuto ai servizi sociali che la accompagnano al Centro Tina. Per lei e per i piccoli si trova immediatamente ospitalità. C’è un posto libero. Non accade tutte le volte, dipende dalla complessità del caso e anche da un pizzico di fortuna.  Al primo incontro con la psicologa Lia racconta, tra un mare di lacrime, la sua vita, le violenze sessuali subite dal marito ancor prima del matrimonio, quelle fisiche, le percosse e le umiliazioni inferte anche ai bambini che non hanno mai conosciuto una famiglia serena.  Le due donne trovano un punto di contatto, decidono un cammino graduale, giorno dopo giorno, i piccoli vengono assistiti e coccolati dalle altre ospiti del Centro.  Due giorni dopo accade qualcosa. Arriva alla struttura un’altra giovane, una ragazza di 22 anni, accompagnata dalle operatrici di una vicina Casa di ospitalità. Denuncia una storia incredibile di abusi da parte del padre e dei fratelli, cade spesso in contraddizione. La direttrice del Centro si riserva di accoglierla se e quando ci sarà un posto libero, ma non riesce a credere in pieno al suo sfogo. E purtroppo ha ragione. Si tratta della sorellastra del marito di Lia che l’ha subito riconosciuta ed è terrorizzata. Si scopre così che l’uomo la sta cercando in tutti i centri della zona, che minaccia le operatrici, che è letteralmente uscito di senno. Lia viene spostata, in segretezza e nel giro di un’ora, in un’altra casa. Possiamo immaginare la sua paura e il trauma dei bambini che in pochi giorni hanno lasciato la loro abitazione, cambiando poi due volte stanza, persone vicine e situazione.  Ma non finisce qui. Nel nuovo Centro, durante la notte, intorno alle due, qualcuno inizia a suonare al citofono con rabbia e foga. Le operatrici non sono in grado di capire se si tratti di uomini o donne ma avvertono i carabinieri che, intervenuti repentinamente, mettono in fuga le persone.  Lasciano in terra qualcosa. Il giorno dopo i militari consigliano di allontanare la donna dalla regione e da quel Centro, cosa che avviene in gran fretta. Ora Lia è in struttura protetta, lontano da casa, costretta per un periodo, nessuno può sapere quanto, a vivere nascosta e ad aver paura della sua ombra. Non ha commesso  nessuna colpa. Deve pagare per il male altrui. Chissà quando potrà dirsi fuori pericolo.

La storia di Elena, ventidue anni e un bambino di pochi mesi, è molto simile. Quando arriva al Centro Tina ha dei segni di violenza sul viso e sulla testa: è  l’ultimo regalo del marito che l’ha cacciata di casa dopo averla picchiata. La donna viene accompagnata da alcuni conoscenti preoccupati. Non ha parenti se non il suo compagno e il bambino. La direttrice della struttura la fa portare al Pronto Soccorso dove viene medicata. La prognosi è di dieci giorni, scatta la denuncia di violenza contro l’uomo che l’ha ridotta in quel modo.  I carabinieri -che evidentemente già conoscono la situazione – consigliano di trovare per lei un altro Centro, quello è troppo vicino alla sua abitazione.  Il marito, nel frattempo, denuncia la scomparsa di Elena e del bambino. La giovane viene immediatamente trasferita in un’altra struttura, ma si dispera e piange, sembra inconsolabile, è allo sbando. Ha perso la fiducia e la sicurezza in se stessa e nell’uomo che credeva la amasse, ha un bambino che non sa come nutrire e proteggere, si sente come una canna al vento. Le psicologhe e le operatrici le sono vicine, dovranno ricucire con lei un rapporto, darle nuove speranze, aiutarla a riscoprire la vita e a trovare un lavoro. E’ così giovane, potrà farcela, scavando anche dentro di sé, trovando le risposte, diventando forte ed autonoma.

Due storie emblematiche in appena dieci giorni e solo al Centro Tina. Due storie che potevano finire malissimo. Lia ed Elena potevano essere uccise dall’uomo che le ha sposate, promettendo amore e sostegno. E’ già successo in questo 2014 a 156 donne.  Non deve succedere più, pensiamo e speriamo. Ma sappiamo che accadrà ancora e ancora. Fino a che non ci sarà una vera rivoluzione culturale, un moto di reazione collettivo.  Per questo i Centri vanno potenziati, per questo le donne vanno protette e con loro i bambini. Il domani di questi piccoli deve essere diverso. Hanno il diritto di giocare e vivere sereni e sapere che le loro mamme non piangono e non vengono picchiate. Nel terzo millennio, in un Paese che si considera civile come il nostro,  non è una richiesta assurda.

Stella Maggi

 

 
Comunicato del 1 agosto 2014
Venerdì 01 Agosto 2014 15:45

ENTRA IN VIGORE CONVENZIONE ISTANBUL

TELEFONO ROSA: SIAMO INDIETRO SU TUTTO, PAGHEREMO SANZIONI SALATE

 

 

“Dovrebbe essere un giorno importante e di soddisfazione, oggi: entra infatti in vigore la Convenzione di Istanbul, per la quale tante donne, sia nelle associazioni che nei luoghi della politica, si sono battute. Ma eccoci nella solita insopportabile “storiella all’italiana”, che però in questo caso si scrive sulla pelle delle donne”. Gabriella Carnieri Moscatelli non usa mezzi termini nel commentare quella che, invece di essere una giornata di azione, programmi e speranza, diventa un’ennesima giornata di denuncia.

“Avevamo esultato quando l’ostinazione della Ministra Josefa Idem e di tante sue colleghe, di sinistra e di destra, avevano ottenuto l’approvazione della Convenzione. Ma ci eravamo illuse. Il ritardo su ciò che prevede questo prezioso documento internazionale, sottoscritto a oggi da 12 Paesi (Albania, Portogallo, Montenegro, Italia, Bosnia Erzegovina, Austria, Serbia, Andorra, Danimarca, Francia, Spagna, Svezia ndr.), è enorme. Dei quattro punti cardine della Convenzione, sintetizzabili in prevenzione, protezione e sostegno delle vittime, perseguimento dei colpevoli, politiche integrate, non troviamo nulla nella programmazione del Governo.” dice la Presidentessa e prosegue: “Un Dipartimento Pari Opportunità abbandonato a se stesso, senza una guida politica e senza un confronto con le Associazioni cui viene negato un interlocutore politico. Tutto questo ha delle responsabilità e, per noi, la responsabilità è tutta nella sordità del Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, dinanzi alle richieste degli operatori del settore, tra cui quella fondamentale, di avere una Ministra per le Pari Opportunità. Gli abbiamo scritto ben tre volte: non abbiamo avuto nemmeno il piacere di avere la risposta da un suo segretario. Se ciò che vediamo è il rispetto e la sensibilità che finora è stato dato al tema della violenza sulle donne in Italia, non mi stupisce che nessun rispetto venga dato ad un’associazione come la nostra che da trent’anni, solo con la forza del volontariato e senza alcun finanziamento pubblico, sopperisce alle mancanze dello Stato. La modalità della “non risposta” è un sistema che ben conosciamo e che serve a non considerare un problema e a non dargli alcuna rilevanza politica. Una tecnica che offende, però, migliaia di cittadini e cittadine che credono e sostengono la nostra realtà e le battaglie che quotidianamente portiamo avanti, nel puro interesse collettivo e delle donne. Le mancanze sulla Convenzione porteranno inevitabilmente sanzioni che i cittadini italiani pagheranno, con i loro soldi, per l’incapacità della nostra politica. Davvero un pessima immagine per la Presidenza Italiana in Europa.” l’amara conclusione di Gabriella Carnieri Moscatelli.

 
Unioni Civili
Venerdì 01 Agosto 2014 10:24
Il "Telefono Rosa" ritiene che tra le gravi mancanze di questo paese, vi sia una legge sulle unioni civili. Per questa ragione accoglie con piacere che il percorso della Legge, con prima firmataria la Sen. Monica Cirinnà, non si fermi. Per i diritti delle persone non possiamo e non vogliamo più aspettare.
Maria Gabriella Carnieri Moscatelli


"La commissione Giustizia ha deciso oggi di proseguire il dibattito sul testo unificato sulle unioni civili. Arriveremo cosi' a settembre con una discussione ed un'analisi ampia e approfondita anche rispetto ai tanti contributi, politici e culturali, usciti recentemente sulla stampa italiana". Lo dichiara la senatrice del Pd Monica Cirinna', relatrice del provvedimento. 
"Tutte le fasi importanti che vedono cambiamenti radicali nella nostra societa' sono caratterizzati spesso da opinioni divergenti- aggiunge- Compito della politica e', dopo aver ascoltato e tentato la comprensione di tutte le posizioni, di fare una sintesi ed elaborare un testo definitivo al quale tutti i senatori potranno contribuire con emendamenti.


Se dovesse esserci anche un contributo da parte del Governo questo sara' da accogliere positivamente perche' sarebbe una manifestazione di grande interesse e sensibilita'". "Resto comunque convinta- conclude Cirinna'- che la strada parlamentare sia quella che consenta la maggiore condivisione , strada che consente tranquillamente al governo di contribuire presentando proposte ed emendamenti, anche sostanziali, per dare presto al Paese una legge da troppo tempo attesa e che viene chiesta a gran voce anche dai tanti sindaci che , in modo autonomo e diverso da citta' a citta', stanno tentando di dare una risposta ai cittadini che reclamano il riconoscimento di diritti anche presso le anagrafi".

 
A riprova di quello che diciamo una bravissima scrittrice ci ha inviato questo pezzo che condividiamo e pubblichiamo:

Le due spose


“Se non noi, chi?  Non ci siamo mai nascoste e siamo sempre state accolte, accettate e stimate per il nostro impegno per il bene della città.  Trasformiamo allora la nostra situazione in vantaggio, in una risorsa per tutti e tutte che possa servire a chi non se lo può permettere e vive una vita nascosta. Quindi saremo due spose, un sindaco, due assessori e tanti testimoni del nostro amore. Forse è anche più semplice di quanto sembra.” Carla chiude il libro e si sente qualcuno gridare “Brava”. E’ il giorno del suo matrimonio con Barbara, il primo del genere,  celebrato a Ravenna sabato cinque luglio.  Due abiti bianchi diversi per le spose - quello di Carla è lungo, impreziosito da uno scialle con disegni floreali, quello di Barbara è corto, più tradizionale, ricamato - due bouquet, una grande gioia che si sente nell’aria. Applaude tutta la sala. Con convinzione, con entusiasmo. Sono in tanti, uomini e donne di diverse età ed estrazione culturale, riuniti nella sala del Comune per testimoniare non solo la condivisione di un sentimento e di una battaglia politica, ma anche lo scollamento che c’è tra paese reale e potere, due tempi e due mondi che procedono su binari paralleli senza incontrarsi mai. “I nostri governanti continuano a fare finta che le cose non esistano, mentre noi procediamo portando avanti una battaglia per i diritti civili, nell’immobilismo totale del Paese. Senza diritto di cittadinanza. Ed è un discorso che vale per tutti, per i portatori di handicap ad esempio. Le istanze non vengono accolte, i diritti civili non sono mai una priorità e intanto la vita corre velocissima, non abbiamo più il tempo di aspettare” mi dice Barbara, l’altra sposa, spiegandomi come sia nata la scelta di questa cerimonia pubblica per festeggiare dieci anni di convivenza. Per sposarsi, alla fine, come ogni coppia desidera.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>