• Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)

Telefono Rosa

Le vostre donazioni al Telefono Rosa
Martedì 14 Gennaio 2014 15:06
Ringraziando tutti coloro che hanno donato un contributo al Telefono Rosa, tramite c/c bancario o postale, ricordiamo che è possibile effettuare la detrazione fiscale relativa a tali donazioni.
Pertanto vi invitiamo a contattare lo 06/37511365 per fornire i vostri dati personali. Potete rivolgervi a Stefania.
 
Spezziamo la catena della violenza
Martedì 24 Dicembre 2013 10:00
Domani 25 Dicembre, nel giorno di Natale, alle ore 19:00 ci sarà un servizio sul TG3 NAZIONALE dedicato al "Telefono Rosa".
Il servizio tratterà un argomento molto importante per noi: come le donne riescano a spezzare la catena della violenza.
Soprattutto quanto il lavoro in comune tra Roma Capitale, "il Faro", il "Telefono Rosa" e tutti i privati abbia dato una nuova speranza non solo alle donne ma anche ai loro bambini.
 
Il Natale delle volontarie e delle operatrici del "Telefono Rosa"
Lunedì 23 Dicembre 2013 11:20

Le ospiti delle Case di Accoglienza che il “Telefono Rosa” gestisce per conto del Comune di Roma e della Provincia, dopo aver seguito un percorso per superare i traumi della violenza, hanno frequentato i corsi di pasticcera e di cuoca  presso "il Faro", prendendo così il diploma.

Due di loro sono state scelte per iniziare un percorso lavorativo.

Hanno preparato un rinfresco di Natale e hanno invitato tutte le volontarie e le operatrici del “Telefono Rosa”.

Le fotografie del tavolo illustrano la capacità acquisita durante il percorso effettuato.

Oggi sono pronte ad uscire insieme ai propri fogli ed iniziare una nuova vita.

Questo è un messaggio rivolto a tutte le donne che non hanno il coraggio di spezzare la catena della violenza.

Ricordiamo che con l’aiuto si riesce a raggiungere l’autonomia.

Teniamo a precisare che il progetto si è realizzato anche grazie al sostegno di privati che hanno finanziato l’iniziativa e ci hanno permesso di centrare il nostro obiettivo.


 
Dedichiamo una strada a Giuliana Massari Dal Pozzo
Mercoledì 18 Dicembre 2013 12:17

"Tutte le Volontarie del Telefono Rosa Onlus piangono la scomparsa di una donna coraggiosa e tenace, grazie alla quale Telefono Rosa, da ormai quasi 30 anni, ha accolto e aiutato circa mezzo milione di donne. Ognuna di queste donne deve qualcosa a Giuliana e alla sua grande generosità” questo il primo commosso pensiero di Gabriella Carnieri Moscatelli, presidente dell’Associazione Nazionale Telefono Rosa Onlus, sulla scomparsa di Giuliana Dal Pozzo che, proprio con la Moscatelli e con Renata Covi, Marla Guerri ed Emma Erario, hanno fondato nel 1988 la storica Associazione.

“Abbiamo lavorato insieme per tanti anni, spesso nella diffidenza generale e con pochissimi aiuti, ma siamo riuscite a gettare le basi per quello che oggi è il Telefono Rosa. Nel momento in cui Giuliana Dal Pozzo si è ritirata dalla operatività che aveva messo a disposizione di Telefono Rosa per anni e con cuore e passione, ci è comunque restata vicino e abbiamo continuato ad ammirarla come giornalista, come scrittrice e come donna.” La Moscatelli aggiunge: “Sono tantissimi i ricordi che io e le altre Volontarie abbiamo di questa donna straordinaria. Come ad esempio il suo coraggio e la sua tenacia quando nel 1996 con Giglia Tedesco abbiamo combattuto perché la legge desse giustizia alle donne italiane riconoscendo il reato di violenza sessuale come delitto contro la persona e non contro la morale. Come giornalista e Direttrice della storica e amata testata "Noi Donne", Giuliana aveva parlato del problema della violenza domestica e della violenza sulle donne, puntando sulla forza delle donne e indicando nella fragilità degli uomini il vero punto su cui riflettere e lavorare. Sarebbe una giusta cosa dedicarle una strada di Roma e scriveremo oggi stesso al Sindaco Ignazio Marino per chiedergli che lo faccia.” chiude Gabriella Carnieri Moscatelli.

La ricordano con affetto e stima:

Lella Menzio: Presidente Telefono Rosa del Piemonte

Sara Gini: Presidente Telefono Rosa di Verona

Patrizia Palombo: Presidente Telefono Rosa di Ceccano

Antonella Caltabiano: Presidente Telefono Rosa di Bronte (CT)


 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>