• Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)

Telefono Rosa

Chi è Online

 42 visitatori online
Segui Telefono Rosa sui social network...



News & comunicazioni
Le Malmaritate



"Malmaritate" è un progetto musicale e culturale, ideato dalla Narciso Records di Carmen Consoli, Ambasciatrice del Telefono Rosa nel 2007. 

Il Progetto accoglie contributi di donne che operano nei diversi settori dell'arte (musica, teatro, danza, mimo, pittura) per un vero e proprio viaggio tra i meravigliosi, ma anche tortuosi percorsi dell'universo femminile. Una delle esperienze più emozionanti delle Malmaritate è stata nel 2013: Gabriella Grasso, Valentina Ferraiuolo, Concetta Sapienza e Emilia Belfiore si sono esibite davanti ai detenuti dell'istituto Penitenziario di Catania. Un concerto di intensità, forza, amore per la vita. Ospitiamo con piacere il loro racconto su quella intensa e indimenticabile giornata di bellezza e speranza.

 
Spot - Paolo Calabresi

Ecco, care Amiche e Amici, il nostro nuovo Spot.
Un abbraccio caloroso di gratitudine, stima e amicizia va a Paolo Calabresi, per noi straordinario testimonial. E grazie a tutti coloro che ci hanno regalato questo importante messaggio. In dettaglio GRAZIE a: PRODUZIONE: MOVIHEART, Massimiliano La Pegna, Elisabetta Fogazzaro, Vasco Alessandrelli; REGISTA: Umberto Marino, DIRETTORE FOTOGRAFIA: Marco Cristiani, SCUOLA: gli Studenti della RomEur Academy di Paolo Secondino, POSTAUDIO: Andrea Malavasi, MONTATORE: Roberto Siciliano, POSTVIDEO: Alessandro Visciano, MUSICISTA: Paolo Vivaldi.

)
 
FEMMINICIDIO: CIRINNA', PROSEGUE LAVORO PER PIENA ATTUAZIONE ISTANBUL

"Dopo l'approvazione del decreto del governo sul femminicidio abbiamo ripreso oggi nelle commissioni congiunte Affari costituzionali e Giustizia l'esame del ddl che riconoscendo la gravità del fenomeno del femminicidio nel nostro Paese propone misure specifiche per contrastarlo, risponde integralmente al dettato della convenzione di Istanbul e alla necessità di dare una risposta globale alle violenze di genere”.


Lo dichiara la senatrice PD Monica Cirinnà della commissione Giustizia. "E' un passo in avanti importante - spiega - che avrà come primo punto di lavoro lo scorporo o il miglioramento delle norme penali contenute nel decreto del governo appena approvato.


Per non avere tempi morti e procedere con l'urgenza che il tema merita utilizzeremo il periodo di sospensione dovuto all'esame della legge di stabilità al fine di completare questo lavoro di adeguamento del testo”.


"A tal fine - conclude Cirinnà - mi occuperò di realizzare una consultazione con le associazioni delle donne interessate al fenomeno per avere un confronto costruttivo ed accogliere i loro suggerimenti. Di questo ho parlato con la viceministra Guerra alla quale ho rappresentato anche alcune questioni urgenti da risolvere in merito al numero di pubblica utilità 1522 a sostegno delle vittime di violenza di genere e stalking".



 
Femminicidio: Cirinna', bene decreto, ora subito DDL su Istanbul

Presentata richiesta d'urgenza per iter in commissione Giustizia e Affari costituzionali

Dopo l'approvazione  del  decreto  del governo sul femminicidio approvare velocemente  le norme che sono in discussione nelle commissioni al Senato". Lo  chiede la sen. Monica Cirinnà, prima firmataria di un ordine del giorno sottoscritto  dai  componenti  Pd  della  commissione Giustizia e approvato dall'aula e accolto dal governo.

"Quello  di  oggi - spiega - é un primo passo importante ma non sufficiente per  dare  una  risposta  organica ed articolata al gravissimo fenomeno del femminicidio.  Per  questo  abbiamo  presentato  la richiesta d'urgenza per accelerare  l'iter  nelle  commissioni  1a e 2a dell'Atto Senato n. 724, un disegno  di legge che riconoscendo la gravità del fenomeno del femminicidio nel  nostro  Paese  propone  misure  specifiche  per contrastarlo, risponde integralmente  al dettato della convenzione di Istanbul e alla necessità di dare una risposta globale alle violenze di genere".
"E'  importante  ora  -  conclude  Cirinnà - che il governo sostenga questa iniziativa  e  proceda   celermente,  avvalendosi  anche  della  Task Force interministeriale  contro  la violenza verso le donne, già istituita presso il  Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri,  all'elaborazione  del Piano straordinario di cui all'articolo 5, garantendo  il  pieno  coinvolgimento delle associazioni di donne impegnate nella  lotta  contro  la  violenza  e dei centri antiviolenza, e a riferire periodicamente al Parlamento circa lo stato di avanzamento del processo di elaborazione del Piano medesimo".

 



 
Cancro al polmone. Un tumore, quante malattie?

Questo articolo è particolarmente interessante perché può dare una nuova speranza a tante persone ma è anche un invito a smettere immediatamente di fumare. Purtroppo oggi sono sempre più numerosi i giovani fumatori.

Maria Gabriella Carnieri Moscatelli

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 1 di 15