• Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
  • Telefono Rosa Chiamaci allo 06.37.51.82.82
Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)

Telefono Rosa

Chi è Online

 95 visitatori online
Segui Telefono Rosa sui social network...



Errore
  • JFTP::login: Unable to login
  • JFTP::write: Unable to use passive mode
  • JFTP::write: Unable to use passive mode
  • JFTP::write: Unable to use passive mode
Un'estate di sangue per le donne italiane: l'Italia non affronta il problema della violenza sulle donne.
Lunedì 29 Agosto 2011 16:16
COMUNICATO STAMPA DEL 29 AGOSTO 2011
TELEFONO ROSA: "UN'ESTATE DI SANGUE PER LE DONNE ITALIANE: L'ITALIA NON AFFRONTA IL PROBLEMA DELLA VIOLENZA SULLE DONNE." 

Un grido di allarme forte e pieno di rabbia è quello che Telefono Rosa vuole lanciare a tutta l'Italia e in particolare alle forze politiche sul tema della violenza sulle donne. Ogni giorno notizie di gravità inaudita riempiono, nell'indifferenza più totale, le pagine di giornali e tv. E' di oggi la notizia dell'ennesimo omicidio (in questo caso seguito anche dal suicidio dell'assassino) ai danni di una donna rea solo di aver interrotto una relazione.

"Non possiamo stare in silenzio, perchè quello che sta accadendo in Italia è gravissimo e non può passare come una delle tante notizie - dice la Presidente Gabriella Carnieri Moscatelli. "Abbiamo raccolto, secondo i dati dei mezzi di informazione, le notizie riguardanti la violenza sulle donne e sono un numero spropositato e indegno di un Paese civile. Chiunque può guardarli sul nostro sito ufficiale. In Italia - continua la Presidente Gabriella Moscatelli - si sta facendo pochissimo per prevenire la violenza sulle donne, per rieducare chi commette questi terribili reati, per sostenere le vittime e assicurare loro una giustizia rapida e giusta. Basta guardare la sequenza impressionante di omicidi, azioni di stalking, di violenza domestica denunciati per rendersi conto che stiamo sottovalutando un problema che tocca in maniera devastante non solo le donne, ma bambini, famiglie e società civile. Quanto dobbiamo aspettare perchè la politica si accorga che la società è stata investita da un'ondata di violenza sulle donne senza precedenti?" 

Ufficio stampa Luisa Rizzitelli 345-4767246

Clicca qui per leggere il documento relativo alle violenze subite dalle donne nel 2010 e nel 2011. (Fonte: notizie dal web)